Crostate Dolci da credenza Limone Maurizio santin Meringa Pasta frolla

Crostata meringata al limone di Maurizio Santin

23 febbraio 2015, maryva, 1 Comment
10325378_561690323942219_8619412846766892173_n

Buon di a tutti, vediamo cosa frolla nella testa  di Madame oggi..

Curiosa come sempre e pronta a sperimentare nuove ricette e oggi è il turno della “frolla del Santin”

Tra le preferite in assoluto, dovete assolutamente provarla  😉

Per la frolla:
250g di farina 00
125g di burro
70g di zucchero a velo
45g di tuorlo
33g di uova
qb di buccia di limone grattugiata
Per la crema al limone:
3 uova
125g di burro
250g di zucchero semolato
2 limoni grandi bio (ho spremuto 80ml di succo)
10g di gelatina in fogli
Per la meringa:
100g di albume
200g di zucchero semolato
80gml d’acqua

PROCEDIMENTO:

Prepariamo la frolla anche il giorno prima,versiamo la farina in una ciotola con lo zucchero a velo,il burro tagliato a tocchetti e iniziamo a sfregare con i polpastrelli fino ad ottenere un composto sabbioso.Uniamo la scorza grattuggiata del limone,le uova,i tuorli e impastiamo velocemente fino ad ottenere una palla liscia e omogenea.Copriamo con la pellicola e mettiamo in frigo almeno per un ora.
Riprendiamo la pasta e su un piano infarinato tiriamola fino a 5 mm di spessore,foderiamo uno stampo da 24cm già imburrato e bucherelliamo con una forchetta.
Inforniamo a 170°per 25mn circa fino a doratura,sforniamo e mettiamo da parte.

Prepariamo la crema,mescoliamo con un frullino le uova con lo zucchero per pochi secondi giusto da far sciogliere lo zucchero,uniamo il succo di limone e versiamo il tutto in un pentolino.Aggiungiamo il burro tagliato a tocchetti e portiamo in cottura su fuoco dolce sempre mescolando fino a far addensare la crema,leviamo dal fuoco e uniamo la gelatina già ammollata e strizzata e mescoliamo,versiamo la crema sulla base cotta e facciamo raffreddare bene.
Prepariamo la meringa cotta,versiamo in un pentolino lo zucchero e l’acqua e portiamo a 121°con l’aiuto di un termometro da cucina.
Versiamo gli albumi nella planetaria e iniziamo a montare,versiamo a filo lo sciroppo e montiamo fino ad ottenere un composto chiaro,spumoso ben compatto.
Riempiamo una tasca da pasticcere con la meringa e decoriamo la superficie ormai rassodata e fredda della crostata,prima di servirla fiammeggiare la meringa

1623566_561691483942103_1355312637406726045_n

10443382_561691850608733_6192153842017402870_n

Ecco che dire… non so che dire… sono senza parole… Dio benedica Maurizio Santin ..

a presto Madame

 

Commenta

commenti

Potrebbe interessarti anche...

001

Cheesecake al limone “en petits morceaux”

2 maggio 2016
DSC_1197

Pastiera napoletana di Sal De Riso

14 aprile 2017
pan di spagna

PAN DI SPAGNA

6 marzo 2015

1 Commento

  • Rispondi angela strangio 27 febbraio 2015 at 14:37

    non c’è che dire,guardi quella fetta e sembra di averla accanto e ti vien voglia di allungare la mano…domani un altro chilo,come minimo…

  • Lascia un Commento

    Questo contenuto è bloccato. Rivedi il tuo consenso all'uso dei cookie

    Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile . Acconsenti all'uso continuando la navigazione o cliccando su 'Accetta'  .