Dessert Torte

Tarte Tropézienne

6 gennaio 2021, maryva, 0 Comments
DSC_6009-5

La ” Tarte Tropézienne ” è un dolce tipico della pasticceria francese, nata in Costa azzurra negli anni 50 da un pasticcere polacco, ricetta della nonna segretissima che fece innamorare per la sua bontà la famosissima attrice Brigitte Bardot mentre recitava nel cast del film ” Et Dieu créa la femme ” a Saint – Tropez. La storia, infatti, racconta che fu proprio l’attrice a nominarla ” Tarte de Saint- tropez” e il pasticcere polacco, compiaciuto dal suggerimento, chiamò definitivamente il dolce: La tarte Tropeziénne!

La Tarte Tropézienne è caratterizzata da due dischi di pasta brioche molto soffici aromatizzati con l’essenza dei fiori d’arancio, farcite con una crema chantilly, un dolce chic dai gusti avvolgenti. La ricetta non è molto difficile da eseguire, ho scelto quella di Frédéric di Sweety, un ragazzo che seguo da molto tempo.

Cosa vi occorre per la pasta brioche:

300 g di farina manitoba

35 g di zucchero semolato

15 g di lievito di birra fresco o 4 disidratato

3 uova grandi

6 g di sale

1 cucchiaio di essenza di fiori d’arancio

1 tuorlo+ 1 cucchiaio di latte per la finitura

Cosa vi occorre per la crema chantilly:

3 tuorli d’uovo

70 g di zucchero semolato

20 g di maizena

230 ml di latte intero

i semi di 1 bacca di vaniglia

2 g di gelatina in fogli

20 ml di essenza di fiori d’arancio

200 ml di panna montata

Cosa vi occorre per lo bagna:

50 ml di succo d’arancia

50 ml di acqua

2 cucchiai di zucchero

1 cucchiaio di essenza di fiori d’arancio

Per la brioche:

Setacciate direttamente nella ciotola della planetaria la farina, unite il lievito sbriciolato, lo zucchero, le uova leggermente sbattute e avviate l’impastatrice, lavorate fino al completo assorbimento, unite il sale e date qualche giro, non appena l’impasto si aggrappa al gancio unite in tre volte il burro, fatelo incorporare bene prima di ogni aggiunta. Lavorate l’impasto fino ad ottenere una bella massa elastica, ci vorrà tempo, almeno 15/20 minuti. Formate una palla e trasferitela in una ciotola, coprite con la pellicola e fate lievitare fino al raddoppio.

Rompete la lievitazione pressando l’impasto, ribaltatelo su un piano leggermente infarinato, stendete con il mattarello ad uno spessore di 3 cm e formate un cerchio, coprite a campana con una ciotola di vetro e fate lievitare fino al raddoppio.

Accendete il forno a 180°c. in modalità statica.

Prima di infornare il disco di pasta brioche, spennellatelo con l’emulsione di tuorlo e latte e spolverizzatelo con lo zucchero in granella, infornate per 20/25 minuti, fino a doratura, fate la prova stecchino, sformate e mettete su una gratella a raffreddare. Preparate anche lo sciroppo per la bagna facendo bollire i liquidi con lo zucchero per 5 minuti, fate raffreddare ed incorporate l’essenza.

Nel frattempo dedicatevi alla crema. In una ciotola mescolate i tuorli con lo zucchero, unite i semi della bacca di vaniglia e mescolate con la frusta, unite la maizena e mescolate, versate il latte tiepido e mescolate ancora, trasferite il tutto in un pentolino e cuocete la crema fino a farla addensare, aromatizzate con l’essenza di fiori d’arancio, incorporate la gelatina già ammollata e strizzata e mescolate, fatela intiepidire prima di incorporare la panna montata.

Tagliate a metà il disco di pasta brioche e posizionatene uno su un piatto da portata, inzuppate bene con la bagna, stendete uno strato abbondante di crema chantilly e coprite con l’altra metà.

Fate riposare in frigo per un paio d’ore prima di servirla.

DSC_6018-3

DSC_6022-3

Provatela anche voi!!

 

 

 

 

 

Valuta questa Ricetta
recipe image
Ricetta
Tarte Tropézienne
del
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
Valutazioni
41star1star1star1stargray Based on 1 Review(s)

Commenta

commenti

Potrebbe interessarti anche...

DSC_1060

Torta al doppio cioccolato gluten free

7 aprile 2017
016_01

Torta persiana dell’amore “a persian love cake”

20 maggio 2016
013

Japanese pearl chiffon cake… meglio dire: la Fluffosa al cioccolato di Monica

17 giugno 2016

Nessun Commento

Lascia un Commento