Natale Ricette natalizie

BrioDoro la brioche che sa di Pandoro ( ricetta di Paoletta Sersante )

1 dicembre 2021, maryva, 0 Comments
DSC_7465

E fu così che dalle mani sapienti di Paoletta venne fuori il ” BrioDoro” la vera e unica brioche che sa di Pandoro, creata apposta per chi ha una sfrenata voglia di impastare un lievitato natalizio, ma che non ha molto tempo per prepararli. Il BrioDoro non è un vero Pandoro, ma ha tutte le caratteristiche per non farvi rimpiangere l’amato dolce a stella che tutti noi conosciamo. La consistenza è pazzesca, la medesima del pandoro, per non parlare del gusto, una versione più semplificata è realizzata con un solo impasto preparato con il lievito di birra, fatto  maturare in frigo per tutta la notte per donare maggior sofficità, anche i tempi di preparazione si ristringeranno, il primo vi servirà per preparare l’emulsione e l’impasto, il secondo per la cottura, tuttavia sarà opportuno organizzarvi con gli orari e rispettare tutti i passaggi, la dose è per uno stampo da pandoro da 750 g, la ricetta è tratta dal blog Anice e Cannella che troverete qui: https://www.aniceecannella.com/il-briodoro/ , buon lavoro a tutti!

Cosa vi occorre per uno stampo da pandoro da 750 g:

per il lievitino:

60 g di farina forte W 380 ( farina per panettone )

60 ml di acqua

10/12 g di lievito di birra fresco

1 cucchiaino di miele

impasto:

265 g di farina forte W 380 ( farina per panettone )

75 g di zucchero semolato

75 g di acqua

5 tuorli di uova medie

85 g di burro morbido ( tipo lurpak )

4 g di sale

emulsione:

2 bacche di vaniglia

30 g di cioccolato bianco

1 cucchiaio di rhum o marsala

15 g di miele

30 g di burro

Si parte con l’emulsione che va fatta alcune ore prima, va benissimo al mattino.

Mettete nel pentolino il burro, i semi della vaniglia, il liquore, il miele, il cioccolato a pezzetti e portate sul fuoco basso, mescolate con una spatola e al primo bollore spegnete e mettete da parte.

ore 19 circa preparate il lievitino:

fate sciogliere il lievito nell’acqua, unite il miele e la farina, mescolate fino ad ottenere una cremina priva di grumi, coprite con la pellicola fate lievitare fino al raddoppio ( il tempo è indicativo, tutto dipende dalla temperatura che avete in casa, nella stagione fredda è opportuno mettere il vostro lievitino nel forno spento ma con la lucina accesa, trucchetto che aiuterà la lievitazione ) nel mio caso ho atteso 1 ora.

ore 20.00 circa preparate l’impasto:

Una buona abitudine è quella di sistemare tutti gli ingredienti sul tavolo da lavoro, fatto questo togliete 12 cucchiai di farina presi dal totale che serviranno per i prossimi passaggi.

Nella ciotola della planetaria versate il lievitino, l’acqua, 1 cucchiaio di zucchero e la farina che resta ( tolti i 12 cucchiai ) e iniziate ad impastare con la K ad una velocità bassa, appena la farina si amalgama con il resto degli ingredienti, aumentate la velocità e incordate, ovvero l’impasto deve aggrapparsi alla foglia.

aggiungete il 1 tuorlo, 1 cucchiaio di zucchero, 2 cucchiai di farina, impastate e incordate.

unite il 2 tuorlo, 1 cucchiaio di zucchero, 2 cucchiai di farina, impastate ed incordate.

Pulite bene la foglia, fate cadere l’impasto nella ciotola e ripetete il passaggio: unite il 3 tuorlo, 1 cucchiaio di zucchero, 2 cucchiai di farina, impastate e incordate.

Unite il 4 tuorlo, 1 cucchiaio di zucchero, 2 cucchiai di farina, impastate e incordate.

Pulite bene la foglia, fate cadere l’impasto nella ciotola e ripetete il passaggio: aggiungete il 5 tuorlo, tutto lo zucchero, il sale e poco per volta la farina che resta ( tranne 1 cucchiaio )

Incorporate il burro poco per volta, aspettate il completo assorbimento prima di aggiungerne altro, ricordatevi di capovolgere l’impasto dopo ogni inserimento.

Aggiungete metà dell’emulsione sempre poco per volta, fate attenzione a non smollare l’impasto che dovrà essere sempre attaccato alla foglia, unite anche metà della farina. ( quel famoso cucchiaio avanzato ) Proseguite con il resto dell’emulsione, incorporatelo sempre poco per volta e e spolverate con la farina rimasta, capovolgete l’impasto, sostituite la foglia con il gancio ad uncino e date qualche giro per qualche minuto.

L’impasto ottenuto dovrà essere liscio ed elastico,  fate la prova del velo, che consiste nel prelevare una piccola quantità di impasto che va steso e tirato con le dita fino a quando non forma appunto un velo trasparente senza rompersi.

A questo punto ribaltate l’impasto su un piano imburrato e fatelo puntare, ovvero riposare, per 30 minuti, quindi pirlate come viene mostrato qui: https://www.youtube.com/watch?v=Xa6wmsrjPgs fatelo riposare ancora per 30 minuti, formate una palla e posizionatela con la chiusura sotto nello stampo già ben imburrato, coprite con la pellicola e trasferite in frigorifero fino al mattino successivo.

ore 9 del mattino dopo:

Prendete dal frigo lo stampo e fate lievitare il BrioDoro finchè la cupola non fuoriesca dal profilo dello stampo ( il tempo di lievitazione è molto indicativo, l’impasto cresce ad una temperatura costante di 28°c. quindi il trucchetto del forno spento, ma con la luce accesa aiuta sempre. )

Accendete il forno a 165°c. in modalità statica, nell’attesa che il forno arrivi in temperatura, fate acclimatare il vostro pandoro e infornate nella parte bassa del forno, cuocete per 45 minuti, a metà cottura coprite con un foglio di alluminio. Controllate la cottura con un termometro a sonda, la temperatura al cuore dovrà essere di 96°c.

Fate raffreddare nello stampo per 2 ore circa, dopodichè sformate e mettete il vostro BrioDoro su una gratella ad asciugare per un paio d’ore, conservatelo in un sacchetto di plastica per alimenti.

DSC_7461

DSC_7466

 

 

 

 

 

Provatelo amici!!

 

 

 

 

 

 

 

Valuta questa Ricetta
recipe image
Ricetta
BrioDoro la brioche che sa di Pandoro
del
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale

Commenta

commenti

Potrebbe interessarti anche...

001

Cantucci di Natale

26 dicembre 2015
dsc_0117

Donuts al latte condensato

15 dicembre 2016
dsc_0099

Biscotti Renna con frolla ai tuorli sodi

7 dicembre 2016

Nessun Commento

Lascia un Commento